Bellissimo sentiero tra val d'Abisso e gola dell'infernaccio.

Statistics

4 - 5

hrs

1,241

m

1,241

m

26

max°

Difficulty

FATMAP difficulty grade

Difficult

Description

Il sentiero inizia dal santuario di Santa Maria in Val d'Abisso, dove troviamo un parcheggio per lasciare la macchina.

Mentre ci addentriamo nel bosco, dopo poche centianaia di metri troviamo un primo bivio non segnalato.

Prendiamo la via che sale verso sinistra e proseguamo il percorso fino al primo guado di questo sentiero (ne troverete diversi lungo il percorso tutti abbastanza agevoli) in corrispondenza di alcune rovine dette "il Mulinaccio".

Per i primi 2,5Km il sentiero è ben visibile e abbastanza agevole, poi passato l'ultimo guado (attrezzato con corda e cornicione di cemento) le pendenze si inaspriscono e la traccia del sentiero inizia a essere meno visibile.

Salendo si arriva alla Balza Forata, uno dei luoghi più caratteristici da cui si gode una visuale completa sulla vallata sottostante e sulla cittadina di Piobbico. Subito dopo la Balza Forata ci troviamo di fronte ad un bivio, segnalato, in cui prosegiamo diritti e seguamo il sentiero verso il rifugio Corsini.

Ci accingiamo ad affrontare la parte più dura e difficile del sentiero.

Il sentiero è molto accidentato e ripido, caratterizzato da gradoni di roccia.

In questo tratto bisogna fare attenzione alla segnalazione del sentiero che è presente, ma non molto ravvicinata e visibile.

Il tracciato ad un certo punto lambisce la strada che sale verso la vetta, e arrivati a questo punto la parte più dura è terminata.

Il sentiero adesso è ben visibile e dalle pendenze più dolci, fino all'arrivo al prato del conte e al rifugio Corsini.

Da qui si risale la salita dello skilift e una volta arrivati in cima si prosegue dritti riprendendo il sentiero, che si segue fino ad arrivare alle antenne presenti sulla cima.

Per il ritorno si ripercorre la stessa via in senso inverso.

La salita richide circa 3:30 ore mentre la discesa richiede circa 2:30 ore.