Percorso non troppo difficile ma molto suggestivo, per una delle attrazioni principali del massiccio del Gran Sasso il millenario Ghiacciaio del Calderone, passando per lo splendido Rifugio Franchetti e la Sella dei Due Corni

Statistics

5 - 6

hrs

1,417

m

1,420

m

28

max°

Difficulty

FATMAP difficulty grade

Moderate

Description

Percorso suggestivo che parte da Prati di Tivo dove si può prendere un passaggio tramite l'ovovia (costo 12€ tutto il giorno) che ci porta fino alla Madonnina e all'inizio del sentiero CAI 103, ben segnalato e facilmente percorribile anche se in alcuni tratti è possibile il passaggio tramite una parete provvista di corda, da qui si arriva al bellissimo Rifugio Franchetti, con possibilità di vitto e pernotto, per una piacevole pausa prima di cominciare i molteplici percorsi che da qui si diramano, noi abbiamo scelto visto il tempo a disposizione uno dei più semplici, quello che porta al Ghiacciaio del Calderone, fattibile in 40' partendo dal rifugio. Sbagliando leggermente strada siamo giunti fino alla Sella dei Due Corni invece di girare prima per il Ghiacciaio, ma l'errore è stato più che ripagato dal bellissimo paesaggio con vista del Corno Piccolo che si gode dalla Sella, da lì ci siamo diretti tramite una ripida pietraia al Ghiacciaio del Calderone, dove una volta arrivati si gode una splendida vista all'interno della corona formata dalle vette del Corno Grande all'ombra delle quali si estende il Ghiacciaio del Calderone, vista splendida e mozzafiato, anche se negli ultimi anni la superficie del ghiacciaio si è di molto ridotta.

La via del ritorno è stata la stessa se non per il fatto che non siamo passati per la sella dei due corni,dal rifugio poi fino alla funivia e ritorno a Prati di Tivo.