giro semplice con pernotto al lago nero, fattibile anche in un giorno,

Statistics

5 - 6

hrs

1,043

m

1,133

m

30

max°

Difficulty

FATMAP difficulty grade

Moderate

Description

giro abbastanza semplice, ma molto bello.

Si può partire tranquillamente dal centro del paese dove si può lasciare la macchina.

il giro comincia attraversando il bosco affiancando la condotta e la funivia che porta alla diga del lago nero (sentiero 228-268). superato il bosco ( in salita) si attraversa una zona più spoglia e alpina. si comincia a salire lungo un sentiero roccioso con qualche ringhiera e si arriva alla base della diga del lago sucotto.

dopo 10 minuti si arriva al rifugio del lago nero, dove si può dormire (ci si impiega circa 3 ore ) dal lago nero si prende il sentiero 267 che porta al rifugio gianpace, questa parte del percorso è più tecnica rispetto al quella precedente, si percorre un sentiero di cemento molto bello (quello in foto) per circa 10 minuti, per poi affrontare qualche passaggio attrezzato con catene, una volta affrontata questa parte, si entra nella val pegherola, dove l'ambiente cambia totalmente, infatti il sentiero attraversa in costa una serie di prati, e passa affianco a un paio di baite. una volta arrivati alla madonnina ( dove è presente una presa per caricare il telefono) si comincia a scendere verso il rifugio. si segue il sentiero che costeggia il fiume e si arriva al rifugio. una volta superato comincia il sentiero che porta alla centrale enel (il sentiero presenta alcuni tratti in forte pendenza su delle pietre) una volta arrivati alla centrale il paese di valgoglio dista solo 10 minuti. lungo il sentiero si trova acqua abbastanza facilmente (all'inizio del sentiero e al rifugio del lago). nella prima parte di sentiero il telefono non prende, ma dal lago in poi c'è più o meno sempre campo.