Salita delle vette principali del M. Marsicano dalla SS83 Marsicana e ritorno dal M. Forcone

Statistics

4 - 5

hrs

1,230

m

1,231

m

21

max°

Difficulty

FATMAP difficulty grade

Difficult

Description

Il punto di partenza è situato sulla SS83 Marsicana SS83 Km 53, nei pressi di Ponte Forcone e località Sorgente di Giove, fra Opi e Villetta Barrea (AQ) a quota 1070 metri.

Il percorso segue inizialmente il sentiero F10 del Parco Nazionale d'Abruzzo, andando orizzontalmente verso destra in leggero falsopiano e tenendosi parallelo alla SS83 Marsicana. Vista la difficoltà, in particolare all'inizio ma anche sulla via del ritorno, a seguire il giusto tracciato, è consigliabile dotarsi sempre di un dispositivo GPS, in grado di rispettare scrupolosamente il percorso stabilito! Questo discorso vale soprattutto nel caso non si conosca bene la zona. In leggera salita si superano dei ruderi e quindi il sentiero, tra una fitta boscaglia, inizia a salire più deciso.

Il pendio è molto ripido ma fortunatamente gli ampi zig-zag del sentiero smorzano considerevolmente la pendenza della salita.

Il sentiero raggiunge a quota 1390 m la località Fonte Pianezza (fonte non presente), dove si lasciano le ultime piante, dopodichè comincia ad obliquare verso sinistra.

Per prati si segue il sentiero (non sempre ben evidente) e a quota 1580 circa si raggiunge il rifugio Stazzo di Monte Forcone.

A destra del rifugio si sale dritti, tra erba e massi, poi si rimonta lo spallone di sinistra e lo si risale, seguendo le tracce di sentiero, (vecchi segni di vernice su sassi e qualche paletto di legno).

Raggiunto il dosso si continua a salire abbastanza dritti per tracce di sentiero (ometti e segni di vernice), poi inizia un lungo traverso obliquo con un fondo decisamente pietroso, che conduce ad una sella erbosa con a sinistra un risalto roccioso (1992 m).

Qui si può decidere di proseguire verso il M.

Calanga (2168 m) oppure di andare a destra, risalendo direttamente il versante verso la cima "ufficiale".

Il tracciato quindi prosegue sulla destra, mantenendosi inizialmente dritto e verticale, poi punta leggermente verso sinistra fino a raggiungere una piccola valletta erbosa.

Qui il percorso attraversa la valletta (tracce di sentiero visibili) e piega verso sinistra, per raggiungere la cresta.

Dopo pochi minuti il tracciato raggiunge la cima "ufficiale" del M.

Marsicano (2245 m).

Per raggiungere le altre cime, ci si mantiene sulla cresta in direzione Est, senza tuttavia perdere troppa quota ed evitando di scendere nella valletta.

La traccia risale un'ultima rampa erbosa prima di raggiungere l'Anticima Est del Marsicano (2252 m), dove sono presenti enormi massi sommitali e da dove si può discendere per raggiungere il Monte Ninna (2220 m).

Da qui in una manciata di metri il tracciato raggiunge dapprima la Cima Est del Marsicano (2253 m), che è il punto più elevato, per poi proseguire in leggera discesa lungo la cresta e raggiungere il M.

Forcone (2228 m).

Da questo punto, per la discesa, ci sono due possibilità: la prima è quella di fare il percorso a ritroso, seguendo il sentiero F10 ben segnato, mentre la seconda affronta una ripida e instabile discesa dal versante Sud del M.

Forcone, per poi intercettare più in basso verso destra il sentiero F10.

Il tracciato in questione prende in esame la seconda possibilità, in modo da ridurre i tempi di cammino.

Non essendo presenti tracce evidenti, è necessario prendere almeno inizialmente come punto di riferimento di direzione il M.

Amaro di Opi.

Il tracciato perde quota molto rapidamente, ma la progressione in discesa è molto dispendiosa, in quanto il fondo scosceso è costituito da erbe, pietraie instabili e piccoli arbusti, che non garantiscono di certo un'aderenza ottimale, quindi è necessaria una buona dose di equilibrio, attenzione e lucità.

Dopo 200 m di dislivello a zig-zag, mantenendo una certa linea e raggiunti alcuni massi (2012 m), il percorso gira decisamente verso destra.

Perdendo quota diagonalmente per altri 160 m di dislivello, il tracciato intercetta finalmente il comodo sentiero F10.

Il percorso segue a ritroso il sentiero F10, in un primo tempo molto sassoso e poi via via scendendo più terroso.

Il tracciato ben visibile, ad un certo punto (1700 m ca.), procede verso sinistra, inoltrandosi nei pascoli e non seguendo pertanto la breve variante dello spallone fatta all'andata.

Il percorso adesso scende diagonalmente verso destra per altri 100 m fino a raggiungere lo Stazzo di Monte Forcone.

Da qui il sentiero attraverso i pascoli conduce a Fonte Pianezza, per poi discendere il bosco a zig-zag e raggiungere la fitta boscaglia ai margini della SS83 Marsicana.

In breve e con facilità si ritorna al punto di partenza.