Incantevole percorso alla scoperta del Monte Piana, una delle mete più affascinanti nelle Dolomiti grazie alla sua particolare conformazione geologica e alla sua posizione, che offre un panorama mozzafiato sulle montagne dolomitiche, tra cui le Tre Cime di Lavaredo, il Monte Paterno, i Cadini di Misurina, il Monte Sorapiss, il Monte Cristallo, la Croda Rossa e molti altri.

Statistics

3 - 4

hrs

501

m

501

m

29

max°

Difficulty

FATMAP difficulty grade

Difficult

Description

Il Monte Piana è un massiccio montuoso che si trova all’interno del **parco Naturale delle Tre Cime**.

La sommità praticamente pianeggiante, che si discosta dalle caratteristiche usuali delle cime dolomitiche, permette una **vista a 360°** sul panorama circostante e regala scorci meravigliosi sulle Dolomiti, con una vista privilegiata sulle **Tre Cime di Lavaredo**. La sua sommità delimita il confine fra i Comuni di Auronzo di Cadore e Dobbiaco e fu teatro di duri scontri, durante la **Prima Guerra Mondiale**, fra il Regio Esercito e l’esercito austro-ungarico, diventando ad oggi un vero e proprio “museo all’aperto” dove è possibile toccare con mano il vecchio campo di battaglia e i suoi reperti storici. Il punto di partenza della nostra escursione è l’incantevole **Misurina** con il suo lago cristallino.

Si parcheggia la macchina in località la Loita, di fronte al campeggio di Misurina, e, attraverso una comoda ex-strada militare, che d’estate è parzialmente asfaltata e percorsa dalle navette e che nell’ultimo tratto è stata addirittura scavata nella roccia, si giunge sulla cima del Monte Piana, direttamente di fronte al **rifugio Angelo Bosi**, unico punto di ristoro sulla sommità della montagna. Il ritorno si svolge lungo lo stesso percorso con una piccola variante sulla strada estiva e la possibilità, a seconda delle condizioni nivologiche, di fare qualche curva in neve fresca.